Pagina:Il libro dei versi (1902).djvu/35

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

A UNA MUMMIA 25

 
Qui per andar di secoli
Non muterà tua sorte,
Vedrai novelli popoli
Colle occhïaia morte,
E il tempo che ne fruga
Non segnerà una ruga
Sovra il tuo volto scarmo
E freddo come marmo.

Ma un dì verrà, novissimo,
Che in una cupa valle
Cadrem, tremanti, pallidi.
Coi nostri errori a spalle,
E sentirem la tromba
Che spezzerà ogni tomba.
Mummia, quella mattina
Romperai la vetrina.


Torino, Museo Egizio, 1862

Il libro dei versi-036.jpg