Pagina:Il libro dei versi (1902).djvu/40

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
30 IL LIBRO DEI VERSI

Oggi, marmoreo enigma
Dall’olimpico stigma,
Di tant’arte non resta
Che un busto senza testa.
 
Pur nelle tronche viscere
La Dea non è ancor morta,
Un’agonia di secoli
La fece fredda e smorta,
Ma nella nuda fibra
Palpita, guizza, vibra,
Quasi monco serpente,
L’Eginetica mente.

Così le fece il genio
Le piaghe sue più grame,
E le eternò il martirio
Di Mosca e di Bertrame.
Pur colle rotte braccia
Quel torso ancor m’allaccia,
E al secolo che raglia
Sembra cercar battaglia.

O monti! o cime candide
Della serena Paro!
Brezze marine! tremulo
Irradiar del faro!