Pagina:Il mio cuore fra i reticolati.djvu/17

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 15 —

ca di quella buona ragazza, il pianto: era la sua leva erotica.

Un giorno che egli la fece ridere di gusto con una vivace facezia, ella gli confessò che però per amare aveva bisogno di piangere: ogni volta. Ciò la metteva «in forma», le moltiplicava la sensibilità, le acuiva il desiderio. Aggiunse che quando si trovava fra le braccia di un uomo, anche il più seducente e carino, se per caso fosse stata di umore allegro, come in quel momento di pazzo ridere, non avrebbe avuto il più leggero brivido di amore. Così, in quei casi, era costretta a farsi venire in mente le scene più truci, i ricordi più angosciosi, i dolori più profondi della sua vita, e col loro aiuto, con quello sforzo di sofferenza artificiale, le lagrime sgorgavano copiose e tutte le sue fibre balzavano di straordinaria felicità!

Non era che una forma appena patologica dell’eterno connubio indissolubile del piacere col dolore; e inconsciamente Franco aveva della gratitudine per colei che il destino incaricava di portare in sè questa forma.

*

Un’altra, Edvige, aveva lo stile opposto. Donna normalissima ed equilibrata in tutte le altre funzioni dell’esistenza, veniva inva-