Pagina:Il mio cuore fra i reticolati.djvu/23

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 21 —

senza cedere più ad alcuna tentazione. Ma ecco un secondo isolotto, più bello, più fiorito, più ricco, del primo. C'è tutto: dalla flora primitiva o selvaggia al comfort più raffinatamente moderno. Bisogna scendere di nuovo, gustare, poi ripartire con una decisione più ferma, con una volontà inflessibile di non lasciarsi più affascinare.

E vi si para davanti il terzo isolotto.

Gli isolotti in cui sostò donna Lauretta furono, salvo errore, diciassette. L'intervallo fra l'uno e l'altro variò capricciosamente. Tanto capricciosamente, che dopo il diciassettesimo l'aristocratica signora fece passare lunghi giorni senza dar segno di vita.

E poichè Franco questa volta si era rassegnato a non aspettarla più, il pomeriggio che ella decise di approdare al diciottesimo isolotto, trovò l'ormeggio occupato da un'altra imbarcazione, e dovè tornarsene indietro silenziosamente, umiliata e convinta che la serie dei colloqui «unici» era davvero finita, e non per merito suo.

*

Ma quella che lasciò nel cuore di Franco la maggior propaggine di rimpianto fu Natalia, la bionda ricamatrice, la fedele per eccellenza, devota fino al martirio, capace di