Pagina:Il mio cuore fra i reticolati.djvu/40

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 38 —

rita. Invece bisogna amare l'anima, comprenderla senza egoismo, accarezzarla, dirigerla verso mete luminose.

— Avete ragione, avete ragione. Noi siamo allo stesso punto preciso. Io vi comprendo perfettamente. Anch'io ho sempre rifiutato l'amore: e non ho avuto bisogno di farne la prova.

— Voi pure condannate questo distruttore di bellezze spirituali... Ma che cosa ha potuto convincervi a questo?

— Non so... Non so bene... non l'ho mai chiesto seriamente a me stesso... Credo però che sia la paura del dolore: non ho voluto soffrire per l'amore, non ho voluto mettermi in condizione di maledirlo. Ho preferito fuggirlo.

— Ma voi... uomo... con tanti contatti... con tante occasioni.... come avete potuto?

— Dio mio, si sa... c'è sempre un compromesso... si fugge l'amore, non si fuggono le donne... anzi la mia tattica è stata questa: barricarmi di donne per chiudere il passo all'amore.

— Ed esse non vi hanno fatto soffrire?

— No, perchè ho saputo restare sempre il più forte. Le sceglievo bene. Non mi hanno mai preso la mano.....

— Allora, solo dei contatti mediocri, delle avventure frivole....