Pagina:Il municipio della terza Roma.djvu/12

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
12 il municipio della terza roma


Venturi avv. Pietro 1a Votazione voti N. 26
Ricci-Nataletti Felice » » » »   22
Ramelli Alessandro 2a » » »   23
Gui Giovanni ballottaggio » »   25


Il 30 marzo 1871 la nuova Giunta si presentò al Consiglio, l’assessore anziano Giovanni Angelini facendo le funzioni di sindaco. In questa seduta si annuncia che i signori Don Mario Massimo ed avvocato Alessandro Spada si dimettono dall’ufficio di Assessore, mentre l’Assessore Samuele Alatri dichiara di rimanere soltanto precariamente nella carica.

In questa stessa seduta appare fra i rinunciatari, senza che al solito se ne sappia nè il quando nè il perchè, il conte Luigi Amadei.

Nella seduta del 29 maggio troviamo Sindaco Don Francesco Pallavicini, cui tocca nella successiva seduta del 31 partecipare le dimissioni di quattordici consiglieri e cioè dei signori:

Pianciani conte Luigi; — Cipolla Antonio; — Gori Mazzoleni Achille; — Luigioni Paolo; — Ferri Felice; — Odescalchi Baldassarre; — Costa Giovanni; — Lorenzini Augusto; — Poggioli Pietro; — Tittoni Angelo; — Lunati Giuseppe; — Camporesi Pietro; — Rossi Vincenzo; — Ramelli Alessandro, il quale ultimo era in pari tempo assessóre supplente.

Il 7 giugno anche il consigliere Don Michelangelo Caetani duca di Sermoneta figura fra i rinunciatari.

Il 12 giugno 1871 si annunziano le dimissioni da consigliere del colonnello Alessandro Calandrelli. Il Consiglio essendo con questa dimissione ridotto a trentanove membri sarebbe stato il caso di applicare l’articolo 204 della legge comunale e provinciale allora vigente che disponeva:

«Non vi è luogo a surrogazione straordinaria di Consiglieri nel corso dell’anno, eccetto il caso in cui il Consiglio si trovi ridotto a meno dei due terzi dei suoi membri».

Il Consiglio però non se ne dà per inteso e come il noto personaggio ariosteo continua a camminare pur essendo morto.

Nè giovano a rimuoverlo da questa olimpica indifferenza le dimissioni annunziate nella seduta del 25 giugno 1871 del principe Don Filippo Andrea Doria, per cui il numero dei Consiglieri è ridotto a 38!


IV.

Elezioni parziali del 1871


I trentotto consiglieri ancora in carica erano:

1. Alatri Samuele, assessore
2. Angelini cav. Giovanni ass.
3. Armellini Francesco
4. Bompiani Adriano
5. Boncompagni don Ignazio
6. Carcano mar. Alessandro
7. Cariucci dott. Clito
8. Castellani cav. Augusto
9. Cerreti Francesco
10. Ciampi avv. Ignazio