Pagina:Il tesoro.djvu/310

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 300 —


La febbre prese a tormentarla continuamente; era una vertigine incessante, che le velava gli occhi e le idee; sentiva una profonda indifferenza per ogni cosa, eppur ogni cosa la disgustava, l’infastidiva e l’irritava.

Diventò come una bambina sofferente, capricciosa e molesta; ma ogni suo desiderio veniva appagato e Cosimo la vigilava di continuo. Oramai egli si sentiva mille volte più colpevole e più infelice di prima, ma s’imponeva la vita come un’espiazione; per contentar la madre e le sorelle fece dei passi onde riconciliarsi con la moglie e le scrisse una lettera savia; ma la risposta fu altera, fredda e negativa. In fondo egli ne provò sollievo, ma non lo dimostrò.


XIV.


Una sera di settembre Cosimo rientrò in casa con una interessante notizia.

— Carta-Selix, sapete, è traslocato a Nuoro!

Guardò Elena seduta accanto alla finestra spalancata ma s’avvide ch’ella restava indifferente, dondolandosi sulla sedia e col viso rivolto verso il giardino.

— Forse lo sa — pensò Cosimo.

Mentre Giovanna faceva a proposito molte