Pagina:Il tesoro.djvu/312

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 302 —


simile proposta. Molte persone dicevano però ch’egli aveva sposato segretamente Cicchedda, e donna Francesca si domandò se ciò era vero.

Elena guardò sua madre, e Alessio, seguendo il suo sguardo, vide gli occhi di donna Francesca fissi in lui; si turbò più che mai e gridò fra sè: — Cosa ho fatto?

Non sentì chiaramente quanto gli rispondevano, ma percepì un rifiuto freddo e dignitoso, e vide sul volto di Cosimo un sorriso ironico che gli diceva:

— Che uomo stravagante tu sei!

Tosto però accadde una rapida reazione entro il suo animo fiero. Perchè si vergognava, in fine? Non era per sua figlia che cercava una madrina?

— La legittimerò! — disse, con fierezza; gli occhi gli ridiventarono limpidi. Quindi aggiunse, riprendendo il vago sorriso con cui era entrato:

— Non ci vedrà nessuno; si farà domani sera verso l’imbrunire. Vuole chiamarla Elena, come te, Elena....

Elena s’intenerì, e ricordò che da molto tempo Cicchedda le aveva detto:

— Chiamerò Elena la mia creatura, se lei me lo permetterà, e lei la farà cristiana.

— Se sarete sposati — aveva risposto.

— Dio lo voglia; e lei preghi per me.

E talvolta ella aveva pregato per la sua umile ammiratrice; ora nel passo di Alessio vedeva un buon avviamento verso il bene, e non lo giu-