Pagina:Il tesoro.djvu/74

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 64 —


Per non dimostrare d’esser venuta per ciò, Agada entrò da donna Francesca; si fecero mille feste, lamentandosi scambievolmente delle imposte, della cattiva annata, dell’infedeltà della gente di servizio, e di tante altre cose.

— E Alessio, sta in casa vostra?

— Sta in casa nostra. Che voleva fare, poveretto?

— Si riammoglierà! — disse Giovanna spensieratamente, non badando all’aria dolorosa assunta da Agada Brindis.

— Sì, non pensa ad altro! È tanto addolorato, invecchiato! Non sembra più lui. Vive sempre in campagna, triste.

Cominciò a tesser le lodi di Maria Piscu e le calaron le lagrime.

— Che donna ipocrita! — pensò Elena.

— Non dubitate — le disse accompagnandola per le scale — appena arriverà la risposta vi avviserò. Ma io son sicura che non arriverà nulla.

— Così mi dici? — domandò Agada fissandola.

— Eppure ho buone speranze. Costanza ha sognato l’arrivo delle signore....

— Sta fresca aspettandole! — pensò Elena — è molto furba, ma farebbe meglio a sognare un matrimonio.... col cugino Alessio!

Nell’uscire, Agada incontrò comare Franzisca che entrava.

— Ficca il naso anche qui! — pensò salutandola con un lieve cenno della testa.