Pagina:Iliade (Monti).djvu/360

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
v.866 libro decimoterzo 27

L’abbandonò la vita, ed un orrendo
Perpetuo buio gli coprì le luci.
   In questa guisa ardea la pugna, e ancora
Il diletto di Giove alto guerriero
Ettore intesa non avea la strage870
Che di sue genti segue alla sinistra
Della battaglia, e che omai piega il volo
La vittoria agli Achei; tale è l’impulso,
Tale il nerbo e l’ardir di che furtivo
Li soccorre Nettunno. A quella parte875
Stavasi Ettorre, ov’egli avea da prima
Le porte a forza superato e il muro,
E rotte degli Achei le dense file.
Ivi d’Aiace e di Protesilao
Coronavan le navi al secco il lido;880
E perchè da quel lato era più basso
Edificato il muro, ivi più forte
De’ cavalli e de’ fanti era la pugna.
Ftii, Beozi, Locresi, e colle lunghe
Lor tuniche gl’Ionii e i chiari Epei885
Ivi eran tutti, e tutti a tener lungi
Dalle navi d’Ettorre la rovina
Opravano le mani; e tanti insieme
A rintuzzar dell’infiammato eroe
Non bastano la furia. Il fior d’Atene890
Stassi alle prime file, ed il Petíde
Menestéo li conduce, aiutatori
Stichio, Fida e Bïante. È degli Epei
Duce Megete e Dracio ed Amfïone;
De’ Ftii Medonte e il pugnator Podarce,895
Podarce nato del Filácio Ifíclo,
Medonte d’Oiléo bastarda prole
E d’Aiace fratel, che dal paterno
Suolo esulando in Fílace abitava,