Pagina:In Valmalenco - Noli Giuseppe, 1907.djvu/169

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 167 —

piccole goccie d’acqua, e sento la baita, squassata dal tuono e dalla raffica, palpitare e rabbrividire come persona dolorante.

Poi, nei silenzii che seguono, mi rivedo sur uno dei pizzi più alti della Pirola, avendo dinnanzi maestoso, terribile, bianco il Disgrazia e ai piedi la val Leventina profonda, nebbiosa...

La nostalgia mi riprende.

O spiccare un volo fulmineo per arrivare tino alle mia casetta, alla mia terrazzina fiorita, ai miei cari!....


[immagine da inserire]