Pagina:In memoria di Alfonso della Valle di Casanova.djvu/12

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
12

braccia. La qualcosa avveniva perchè il brutto facea di subito nell’animo suo una così penosa impressione, ch’egli non poteva tenersi con modi aperti dal mostrarne un certo fastidio.

E non pure Alfonso valeva nello scrivere, ma anche nel parlare; perchè avea la pronunzia netta, e la parola gentile, pronta, lepida, efficace, che accompagnava con gesti naturalissimi ma spigliati. L’anno passato, al tempo del congresso pedagogico a Napoli, mi ricordo, e mi pare di vederlo, che, innanzi a parecchi di quei che aveano a dare giudizio, si mise a ragionare distesamente su l’utilità d’una nuova forma di banco da scuola per gli asili, ritrovata da una suo amico ingegnere, Francesco Anfora, e che premiata fu con medaglia di bronzo. E ne parlò così ordinatamente e con tale grazia, che gli s’era fatto attorno un capannello di persone di sentirlo desiderose; e io, comechè dolente che dimenticato avesse il divieto di parlar molto fattogli da’ medici, pure mi congratulai con lui. Acri mio, mi disse egli, sorridendo, è l’ultima volta.

A questo sentimento esquisito dell’arte e alla facoltà che avea di scrivere e parlar bene conferì, oltre alla naturale disposizione, lo studio di Dante, che, massime la cantica del Paradiso, tutto sapeva a mente. Egli spese molti danari per formarsi una biblioteca dantesca, e si può affermare che non ci fosse commento ch’egli non avesse letto o di cui non avesse notizia: talmente che il Fornari, ragionando con