Pagina:In morte di Lorenzo Mascheroni.djvu/74

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

(74)

Ombrosa avea di lauro non mai scosso
La spaziosa fronte, e sui ginocchi
330Epico plettro, che dall’aura mosso

Dir fremendo parea: nessun mi tocchi.
Ver lei mi spinsi, e dissi: O tu che spiri
333Dolor cotanto e maestà dagli occhi,

Sodisfammi d’un detto a’ miei desiri;
Parlami ’l nome tuo, spirto gentile,
336Parlami la cagion de’ tuoi sospiri,

Se nulla puote onesto prego umile.