Pagina:Ingegneri - Contro l'alchimia e gli alchimisti palinodia dell'Argonautica, 1606.djvu/63

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


S E CTO^NDO: 43 E con tanto fauor quitti s annida, (he Pacchio’ ilume è fintelletto’l vero 9 6 )uai mortiferi obietti, odia, &* abhorre? ’Ben dunque ei con ragion, lajciando in preda A quella loro infatiabilfame Anzi à l’ingorda lor’vorace rabbia, Vingrate Corti, al tuo queto foggiorno Porterà bone fi a, e dolce inuidia s e quella, Ch’ei da te vita haurà non Vna volta, A te di luoco, e più di cor vicino, Spender vorrà ne * tuo feruigi ancora. Matti felice il tuo lieto *■viaggio Vijn ritardar: che le tue glorie eccelf e Non Val ’voce à fficgar, pcnfìer no’l cape: Solo eff rimer ie pon la Fama, e l Tempo. Alhorgioiofo il Caualier baciolle La cara mano, in poche note, egraut Gran fenft chiufe, e molt’affetto aperfe: E con gentile, e virtuofa vfura Per ogni lode mille grafie refe. Ed ecco afta de [ir placido’l mare, Propitiol ‘vento > onde veloce il legno Se» già, qualfene vàfnella Tacita Confort e braccio da falciarco [finta, ’Precor/o iintanto era i altero grido Ve