Pagina:Ingegneri - Contro l'alchimia e gli alchimisti palinodia dell'Argonautica, 1606.djvu/68

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


" ™ I ìhi» ìl: S 8 LIBRO H offrite Fornai, ma ‘Jfumeamato^e propio. E forzarli nnrtu grata y e foatte Seco (ò stupenda, marauiglia) truffe lomeo Torre-v Torre d’alto valor fondata, e falda s medico Geno- J„ cu j cm note non d’EfttO, impreffd < cefe di molta,. ’» ■ • fiima. Del Ligufhco Mar la gioia apparne. Ma come.qweBi doppia cura ottenne, Co sì fu portator di doppio dono, Qaefté figure Recò primier con cri fiat* elmo-in teBa, Vm’ù^ei’Ho- Con hdfia > e fcettro, a deBraìvno, e l’altra nore. 4 lafìniBra man,Giouane intuito } C he veBito ambi i pii di cuoio aurato * ’Freme coll de Bro neghino fa, e tarda Testuggine terrena: e lieto mira Giouatie Donnafemìnuda,ericca, Come ben moBra da la Copia alCorno ì ■ La qual calca co-lpiiferrea celata, Hierogiifico Jj altro don fu d’vn Efculapto auinto na.cò aUufione’ Da flejfuofo, 0* ami che uotangue, pofio Mi (fn libro chi ufo in man, ch’aprire accenna. re delia Medi- Gli altri Fiumi d ’Jnfubrta à i due maggiori Adda y eTefìn * l elettion lajctaro r D’r vnche per tutti’l degno vfficto empi effe, Jguei de la Gran Città, cui fanno àgara Con tacque lorpiù ricca > 4 più feconda» Scelfer