Pagina:Ingegneri - Contro l'alchimia e gli alchimisti palinodia dell'Argonautica, 1606.djvu/78

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


68 LIBRO Chiaro, e fouran de l’età noBra lume, Che cornei Sol co’Ifuogioucuol moto L’vn Hcmtfbero annoti a, et altro aggiornai A Roma } a Pado al suo (flendor e alterna $ 0 del (telo (gridò) ’vera Colomba 5 (he pace arrechi, e’I-SM ondo acquetile porti Gioia, e falute omnquelvolo Bendi: cavdml^Ai 1 r ®* anz -ì Ferrea Città A’oro rendetti, dobrandinó. C he da te Vi nidi vincitore auinfe Co’ suoi d’eterna fé tenaci nodi D’unapaterna indijfolubtlcura: 0*1.f°<*ue calor di ’gelo ardente, 6 co’l dolce li cor } ch’efce dalfonte De la tua pura angelica eloquenza, dff e ca?£ìe Stem P ri bora’l freddo adamantino smalto, tra’l Rè di Fra Ch armaua’l Regio cor di là da’ monti,

  • mò«. DUCa d ‘ Dt <l u * d el ^obdD V C FJl petto altero:

E le nemiche lor ’voglie discordi In fede Vnisci, e’n saldo amor congiungi. 0 te beato, eletto à tanta lode. M a più beato 3 1fortunato H ERO E, (’hor sorìalgiuBo suo tranquilla scettro 9 Purgato de gli err or danno fi, ed empi, Che cotanto hebbe sua pietate àschiuo, PofTjffo paci fi- V ede quel,ch’ei bramo molti, e moli anni. co d! Marche iato diSaluzzo» E Otf»