Pagina:Ingegneri - Contro l'alchimia e gli alchimisti palinodia dell'Argonautica, 1606.djvu/80

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


70 LIBRO Caro 3 & àmatn ben,pur anco ì li e ite t Trtfs’alpoter l’età cadente infermi ’Rinvigorire, è ritardar la fuga Del T empo, è porre a’veloci anni 3 1freno, E cotalvanto in luifìagiunto àgli altri Doni } gratt e 3 virtù } favori 3 epregi. ^rlnndirpo JnwaCeqiieBl quelli tutto avanza) fifoni degli ani Veggiolfavente ih di fufata foggid Sanar del*alme ìperigliófirrìorbiì Dar legge à tire s à i folli altrui def ri $; Affinar gfintelletti, e le memorie Hor chi di tunti mai colmo fluide Doni )grafie, e virtù, favori, e pregi f il Gromo fatto ^ bel’]erbato, e nobile Domino fcdi’D^ìiant Lo fi or & al fi n f • ° ben ir e Volte, e quattro ’ Color felici fa quaifìe dato in Sorte D’vbbidire à Signor tanto perfetto, Cuifornire è regnar. Beato Jmpero, Ouebuom, cti Ama l Saper gregge, e commanda 0 qual gloria nhaurà la Pàtria, b quale Clona > gioì a 3 fflendor^ forza, efortuna L almo P RIN CIP E fuorvi tutti h avranno

  • Del novo ben non più fèntita invidia

A “ " i fibai Mondo Imperatori fé Regi s

  • ’Bra