Pagina:Invernizio - La trovatella di Milano, Barbini, Milano, 1889.djvu/50

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
46

— Hai ragione, non voglio pensarci più — disse alzando risoluta il capo. — E puoi avvertire Diego che accetto la sua mano.

Gli sguardi del conte lampeggiarono.

— Dici il vero? Non ti pentirai?

Ella soffocava fra i palpiti tumultuosi del cuore, tuttavia rispose con voce ferma:

— Non ho che una parola e per mostrarti quanto la mia risoluzione sia irrevocabile, ti prego ad effettuare il matrimonio al più presto possibile.

— Ma è ciò che io e Diego desideriamo, cara figlia mia, — mormorò il conte con espansione,

E mentre le sue labbra menzognere si posavano sulla fronte incontaminata di Adriana, pensava fra sè, con un sospiro di sollievo:

— Il briccone l’ha proprio indovinata!