Pagina:Isernia - Istoria di Benevento I.djvu/98

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 89 —

essendosi finora scoperto sul lungo tratto segnato nelle colonne miliarie nè anche un ciottolo solo del lastrico. E sappiamo pure che un secolo dopo i censori di Roma diedero in appalto la costruzione di parecchi ponti, e che l’Appia nel beneventano non ne era in quel tempo abbastanza provveduta.

Fissate così le prime origini e le rifazioni posteriori dell’Appia, fa d’uopo ora accennare al tratto principale e ai due rami nei quali essa fu divisa fuori Benevento.

L’itinerario di Antonino assegna alla via che corre da Capua a Benevento 33 miglia, poscia indica la distanza di Capua da Caudio col miglio ventunesimo: è quindi manifesto che Caudio non distava da Benevento più di dodici miglia. Or egli è noto che le antiche miglia romane valsero presso a poco i quattro quinti del moderno miglio napoletano: e perciò per trovare l’antico Caudio, converrà cercarlo alla distanza di nove miglia e tre quinti napoletani in circa. E questo luogo appunto è occupato dal moderno Montesarchio, il quale dista da Benevento oltre nove miglia napoletane, computate da Lorenzo Giustiniani nel dizionario geografico di Napoli t. V. p. 134 a 10 miglia.

Le lapidi, che in Montesarchio sono numerose e memorandi, le mura e le torri della città, gli acquedotti, i magistrati, i sacerdoti, le divinità, e le famiglie, ci rifermano nella espressa opinione.

Ma prima di arrivare a Caudium si dovea passare l’Isclero, che è il primo fiume in cui si avviene chi entra nella valle caudina, e, valicato l’Isclero, la via Appia passava per Caudium e per le osterie di questa città, Caudi Cauponas, ricordate da Orazio, e poi girava in costa il monte Mauro scendendo sotto Apollosa, ove scorre il fiume Corvo assai povero di acqua. Ivi edificarono un ponte i duumviri di Benevento, di che ci fa fede una lapide pregevolissima trovata accanto al ponte, che comunemente è detto ponte Schito, e che ora vedesi murata sulla faccia d’un privato edifizio in Montesarchio, da cui rilevasi che Caracalla ordinò che si rifacesse il margine della ripa con nuove costruzioni, Il ponte non è molto