Pagina:Istorie dello Stato di Urbino.djvu/116

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

77

LIBRO SECONDO.


Di quelle Città, che nella Regione Senonia furono al tempo, che in Italia regnarono i Celti, i quali al presente in essere si conservano,

E di quelle, che rovinate, mà poi rifatte, hora con altri nomi s'appellano.



DIVISO IN DUE TRATTATI


DAL P. F.


VINCENZO MARIA CIMARELLI

MAESTRO, ET INQUISITORE.



CAPITOLO PRIMO.

Dell’origine di Rimino, e suoi progressi per sino à questi nostri tempi.


Sopra ogni altra, da gli Antichi Scrittori vien la Città d’Arimino celebrata: secondo che racconta Leandro Alberti, nella descrittion d'Italia, e nell’Historie di quella Cesare Clementini. Mà in questo pìcciol Trattato de’ luoghi, che nella Terra Senonia stan situati, allo stile Laconico appigliandomi non mi tratterrò à numerarli, e da gli encomi di Rimino, della sua Origine, e de gli suoi primi Autori à favellar passaremo: i quali non è dubbio (secondo Catone, ed altri, che di quelli scrissero) fù il Libico Hercole con gli suoi Compagni Egittij; Però che havendo Hercole Re de’ Geti, saputa l’ingiusta, e cruda morte d’Osiride suo caro Genitore, che

fù di