Pagina:Istorie dello Stato di Urbino.djvu/174

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

135


TRATTATO SECONDO.


Di quelle Città nell'Umbria Senonia, che già ruinate, rifatte poi con altri nomi s'appellano.



DEL P.F.



VINCENZO MARIA CIMARELLI

Maestro di Sacra Teologia, & Inquisitore.


CAPITOLO PRIMO.

Della Città di Petino rovinata, e di Macerata del Monte Feltro di quelle rovine figliuola, e di alcuni altri luoghi dentro a quella Provincia situati.


Fu l’antico Petino da i Pelasgi, nel Monte Persena edificato, che con humil giogo sorge trà gli alti Apennini, e’l Monte di Carpegna, in mezo à i due (altre volte accennati) Conca, & Isauro fiumi; le cui ruine, che nel cacume del luogo detto, in quantità grande sino à questo giorno si vedono, de gli suoi principij gli Autori additano; non meno rilucendo in quelle il Greco, & il Romano lavoro; che la sua nobiltà, e grandezza; però che quivi grandi, e picciole statue di bronzo, e mae mo quotidianamente si trovano; e delli medesimi i fragmenti con molta tavole scritte d’elogij de gli huomini egregij, che nell’età primiera

fiorirono