Pagina:Italiani illustri ritratti da Cesare Cantù Vol.1.djvu/104

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
84 illustri italiani

ancor palpitanti viscere d’uno schiavo, e bevere l’uno il sangue dell’altro1; sacrificarsi vittime umane alla trovata aquila argentea di Mario; che Catilina mandasse ad assassinare questo o quello, per mero esercizio; che ordisse d’appiccar fuoco a Roma, e trucidare il meglio dei senatori. A queste basse e inutili atrocità presteremo noi fede, qualora pensiamo che alla congiura presero parte più di venti personaggi senatorj ed equestri, fra cui Autronio Publio, escluso dal consolato perchè convinto di broglio, Gneo Pisone consolare, fors’anche Antonio Nepote console, Cornelio Cetego tribuno, due Silla figli del dittatore, Lentula Sura, il quale vantava tra’ suoi avi dodici consoli e dai libri Sibillini esser promesso il regno a tre Cornelj, cioè Cinna e Siila e lui terzo?2 Che Catilina di-

  1. Sallustio attribuisce quest’accusa all’astuzia degli amici di Cicerone. — Nonnulli ficta hæc et multa præterea ab iis existimabant, qui Ciceronis invidiara leniri credebant atrocitate sceleris eorum qui pœnas dederant». Pure Dione Cassio pone espresso che si scannò uno schiavo, e proferita la formola del giuramento, Catilina la confermò prendendone in mano le viscere, e dopo lui i complici: παῖδα γὰρ τίνα καταθύσας, καὶ ἐπὶ τῶν σπλάνγχνων αὐτοῦ τὰ ὄρκια ποιήσας ἔπειτα ἐσπλάγχνευσεν αὐτὰ μετὰ τῶν ἄλλων. XXVII, 30. Niente di strano in quest’atto, derivante dalla comune credenza del potere misterioso de’ sacrifizj umani.
  2. Cicerone dà Catilina come un mostro nelle Catilinarie: ma nell’orazione pro Rufo lo imbellisce. — Voi non avete dimenticato come egli avesse, se non la realtà, l’apparenza delle maggiori virtù. Circondavasi, d’una banda di perversi, ma affettavasi devoto a stimabilissime persone. Avido della dissolutezza, con non minore ardore si applicava al lavoro ed agli affari. Il fuoco delle passioni struggeva il suo cuore, ma piacevasi altrettanto delle fatiche guerresche. No, mai cred’io sia esistita al mondo una mescolanza di passioni e gusti tanto differenti e contrarj. Chi meglio di lui seppe rendersi gradito a’ personaggi più illustri? qual cittadino sostenne a volta a volta una parte più onorevole? Roma ebbe mai nemico più crudele? chi si mostrò più dissoluto nei piaceri, più paziente nelle fatiche, più avido nelle rapine, più prodigo nel largheggiare? Ma il più mirabile in costui era il suo talento d’attirarsi una turba d’amici, d’allacciarseli con compiacenza, di partecipar loro quanto possedeva di fare a tutti servigio col proprio denaro, col credito, colle fatiche, fin col delitto e coll’audacia; di padroneggiare il suo naturale, acconciarlo a tutte le circostanze, piegarlo, raffazzonarlo in tutti i sensi; serio cogli austeri, spassone cogli allegri, grave coi vecchi, amabile coi giovani, audace cogli scellerati, dissoluto coi libertini. Mercè di questo carattere flessibile e accomodante erasi attorniato d’uomini perversi e arditi, come anche di cittadini virtuosi e fermi, colle sembianze d’una virtù affettata. ... La colpa d’essergli stato amico è comune a troppi, ed anche ad onestissimi. Io stesso fui ad un punto di restar ingannato da costui, credendolo buon cittadino, zelatore degli uomini onorevoli, amico devoto e fedele ».