Pagina:Italiani illustri ritratti da Cesare Cantù Vol.1.djvu/577

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

giandomenico romagnosi 553

bero la catena con cui Giove sostenta tutto il creato, la Giunone sospesa alla vôlta dell’empireo con due incudini ai piedi, e come dicasi nell’Apocalisse che il numero della gran bestia e dell’uomo è il 666. Ma d’alcuni punti faceva arcano, o fossero veramente cose da dire a pochi, o non le avesse egli medesimo chiarite con bastante certezza, benchè dicesse aver penato venti anni a comprenderle; e queste forme fondamentali, che costituiscono la norma regolatrice di ciascun edifizio gotico, appena credemmo intendere dopo veduti l’inglese Pugin, i tedeschi Bopp, Kallenbach, Stieglitz, Hoifstadt.


XI.


Quanto intorno alle dottrine della ragione, dell’umanità, della civiltà avea sparso qua e là, pensò raccogliere negli opuscoli di logica e di psicologia ed in quelli sull’incivilimento. Non erano studj nuovi per lui, il quale diceva d’essere stato dagli accidenti condotto a pubblicar per ultimo ciò che avea per primo pensato: confessando con ciò i suoi lavori esser nati quasi alla ventura e sotto l’impulso d’accidenti. La cattedra ottenuta a Parma gli suggerisce l’lntroduzione; gli impieghi sotto il regno d’Italia i tanti scritti relativi all’amministrazione ed alla giurisprudenza; il bisogno lo fa collaborare ad un giornale, e diviene economista e statistico; ora per secondar un editore, si fa ideologo; per un quesito dell’Istituto di Francia storico dell’incivilimento.

Quanto alla filosofia razionale, intese, con un buon corso di studj medj, a guidar i giovani non a questa anzi che a quella scuola, ma a poter da sè scegliere la più propria, limitando l’opera dell’educatore a sviluppare e perpetuare pensatori robusti, sicuri, cordiali; insegnare a ben assumere, ben distinguere, ben ordinare, ben concludere, ben esprimere, cioè a ben eseguire le operazioni della memoria, dell’astrazione, dell’associazione, del giudizio, del linguaggio.

Per ciò, convien esaminare l’interno meccanismo naturale, e accertarsi della potenza razionale. Che se vi fu tempo ove l’importanza della logica si sentisse, è certamente il nostro, quando sempre più dal viver semplice si fa tragitto al complicato, che trascende le vulgari capacità; quando più sempre cresce il pericolo che le integre coscienze rimangano sopraffatte dall’eloquenza de’ passionati, dalle capziosità degli astuti, dalle minaccie de’ prepotenti, sicchè tutti gli