Pagina:Jeans - L'Universo Misterioso, 1932.djvu/67

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

il nuovo mondo della fisica moderna 67


sistema di onde. Il caso sarà differente se l’oggetto che si muove è un elettrone. Se il moto dell’elettrone rimbalzante su d’una superficie fu osservato esser simile a quello d’un sistema d’onde, niente può escludere la possibilità che l’elettrone sia un sistema d’onde. Non possiamo adesso dire: «Questo non mi interessa; io posso vedere l’elettrone ed è chiaro che non è un sistema d’onde», perchè nessuno ha visto un elettrone, o possiede il concetto più remoto di ciò che, se potessimo, vedremmo. Noi siamo proprio liberi a priori di considerare un elettrone come un sistema di onde, come di considerare i corpuscoli di Newton come un sistema di onde. E per trovare se realmente un elettrone è un sistema di onde, noi dobbiamo invertire il fenomeno, in cui una particella solida e un sistema di onde debbono comportarsi differentemente.

Adesso i fenomeni in cui l’elettrone si è comportato in modo del tutto differente da quello che ci saremmo aspettato se esso fosse un corpuscolo, ci forniscono precisamente il gruppo di fenomeni di cui abbiamo bisogno, e, in ogni caso, l’elettrone ha mostrato di comportarsi come un sistema di onde. Un fenomeno particolare è quello d’una pioggia di elettroni su una foglia di metallo; essa non deve rimbalzare come farebbe una pioggia di chicchi di grandine o di palle da tennis, ma produce figure di diffrazione come farebbe un sistema d’onde (figura 3,