Pagina:L'astronomo Giuseppe Piazzi.djvu/136

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

CITTADINO DI PALERMO. 127


«La città di Palermo, citerò il Colletta, da lui onorata per le scoperte nel cielo colà fatte, gli rese onori degni del merito e del nome, e lo effigiò in bronzo, disegnandogli l’erezione d’un monumento,» che fu poi un busto destinato ad adornare l’Università degli studî. La sua effigie venne da poi in più maniere moltiplicata e diffusa in Italia; ma tra chi ne abbia con maggior riverenza ed affetto onorato la memoria devesi notare con giustizia l’illustre letterato, archeologo e poeta, Agostino Gallo da Palermo, riconoscente alla considerazione in che il Piazzi avealo sempre tenuto, e al bene da lui procuratogli dal ministro Tommasi. Promotore il Gallo della nobile idea di convertire la chiesa di S. Domenico di quella città in un Panteon dei più illustri Siciliani1, e vincolato al Valtellinese di ineffabile affetto, ne faceva collocare a spese proprie il busto in marmo, opera del valente Villareale, del quale volentieri erasi questi privato a maggior ono-

  1. Il monumento Piazzi in S. Domenico è il sesto che l’egregio Agostino Gallo fece costruire a sue spese; gli altri cinque vennero eretti in onore:
    a) della poetessa Nina, fiorita nel secolo di Federico lo Svevo;
    b) del chiaro scienziato Domenico Scinà;
    c) degli architetti Giuseppe ed Emmanuele Marvuglia;
    d) del letterato Michelangelo Monti;
    e) del celebre pittore Pietro Novelli.

    Il Gallo offrì pure al municipio palermitano il busto in marmo del grande poeta Giovanni Meli.