Pagina:L'astronomo Giuseppe Piazzi.djvu/28

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

VICENDE. 21

sociarono il loro nome a’ maggiori avvenimenti del politico nostro riscatto.1

Anche ne’ tempi di men favorita coltura, la Valtellina diè saggio d’ingegni fervidi e vivi: tra molti, sono celebri i nomi del bormiese Alberto de Simoni, e di Tommaso Nani, di Morbegno, professore a Pavia di civili istituzioni; e lo è Diego Guicciardi, ministro di polizia e dell’interno nel primo regno d’Italia, il quale fu a Vienna con Gerolamo Stampa di Chiavenna a offrir la patria all’Imperatore; onde, si può dire, a lui dovere l’Italia l’acquisto di questa sua provincia. Tra gli storici locali si notano il celeberrimo letterato Saverio Quadrio, il Lavizzari, e Francesco Romegialli; oltre i letterati Giovanni Battista Gualzetti2 e

  1. Valtellinese, d’origine, è il ministro Emilio Visconti-Venosta; e valtellinesi, l’ex-ministro Luigi Torelli, attuale prefetto di Venezia; il senatore Enrico Guicciardi; i deputati, dottor Romualdo Bonfadini e avvocato Giacomo Merizzi. E valtellinese, di Chiuro, Maurizio Quadrio, repubblicano di stampo antico, alle cui elette e severe doti d’animo e di mente sono obbligati inchinarsi gli stessi suoi avversari politici; dei pochi che in tempi corrotti possano lasciare di sè l’epitaffio tanto agognato dai Giusti.
  2. Lorenzo Boturini Benaducci è notato da C. Cantù come sondriese, ossia proveniente da una famiglia fiorita in quella città. Ei ci dice che, «fattosi in America a servizio di Spagna, vi raccolse molte rarità e manoscritti anteriori alla conquista, in lingua tulteca, su pelli e in disegni e tele; e canzoni popolari: ma la nave su cui spedivali in Ispagna, fu presa da’ corsari, e più non se ne seppe.»