Pagina:La Cicceide legittima.djvu/116

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

109


D. Ciccio perplesso, e dubbioso nella risoluzione d’un punto legale disputato in Ruota.

ccxiv.

NEll’ultima Rotal Congregazione
     Aveasi legalmente a diffinire,
     Se possa il Genitor la detrazione
     4De la Trebellianica impedire:
Due de’Colleghi eran d’accordo in dire,
     Ch’avesse il sì più seguito, e ragione:
     Versa vice altri due col contradire
     8Sostenean la contraria opinione.
Stupian però, ch’allor fosse veduto
     Star perplesso D. Ciccio infra gl’intesi
     11Due voti, e rimaner dubbioso, e muto;
Ed io — sol mi stupisco, allor ripresi,
     Ch’ei non sia così sempre irresoluto,
     14S’han per uso i C.... di star sospesi


D. Ciccio ch’avea lasciata la carica di Fiscale.
Al Sig. Michel’Angelo Bendinelli.

ccxv.

D. Ciccio, che nel Patrio Tribunale,
     Fin che rappresentò con ferreo stile
     La parte di terribile Fiscale,
     4Fu del Corpo d’Astrea membro virile,
Or deposta l’asprezza criminale
     S’è reso tutto placido, e gentile,
     Restituendo al volto gioviale
     8L’antica cera di C.... civile.
Quindi scarso di scritti, e di parole,
     Avanti al Podestà l’altrui querele
     11Più lungamente avvalorar non vuole;
E s’ebbe il pungol già d’Ape crudele,
     Onde v’è chi ferito ancor sen duole,
     14Or gli goccia dal cul zuccaro, e mele.


D. Cic.