Pagina:La Cicceide legittima.djvu/130

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

123


Il Proteo.

ccxlii.

D. Ciccio, infin d’allor, ch’ero scolare,
     So d’aver letto in più d’uno Scrittore,
     Che certo Proteo, instabil Dio del mare
     4Si mutava d’aspetto a tutte l’ore.
Or parea fuoco, e sen sentia l’ardore,
     Or faceasi Uccello, e si vedea volare,
     Or divenia Torrente, or Pianta, or Fiore
     8In modo che facea strabiliare.
Ma s’hai tu pur ne’ versi miei cangiato
     Con si gran varietà, forma, e divise,
     11Volto, aspetto, color, figura, e stato.
Da quei che ti vedran trasfigurato
     In sì fatta maniera, e in tante guise,
     14Il Proteo de’ C .... sarai chiamato.


D. Ciccio escluso dalla Rota Criminale di Genova

ccxliii.

D. Ciccio, sempre mal considerato,
     Sprezzando il Pitagorico divieto
     La dove dice: A fabis abstineto,
     4Stè fermo in voler esser ballottato;
Ma lettasi la Supplica in Senato,
     A cui chiedea, conforme è consueto,
     Le rota Criminal, n’uscì decreto,
     8Che l’escludea dai posto addomandato.
Fallitagli cosi l’opinione,
     Ch’avea di sé, più d’uno il biasimava
     11D’essersi esposto alla ballottazione;
Io non di meno a chi me ne parlava
     Ero solito a dir che ogni C.....
     14Naturalmente và sotto la fava.


F4 Poe-