Pagina:La Cicceide legittima.djvu/134

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

127


D. Ciccio armato di Spada, dopo d’aver avuto parole con un Collega.

ccl.

CInto il ferro D. Ciccio al lato manco
     Ha dato un gran che dire a le persone;
     E con ragion mentre non san per anco
     4Qual di tal novità sia la cagione.
Altri vuol, ch’a l’ispano, altri, ch’al Franco
     Unir si voglia militar Campione;
     Altri, che sol per abbellirne il fianco
     8Ei sia venuto a tal risoluzione.
Io però con probabil congettura
     Temo, che sol per battersi col Tinti
     11Ei s’abbia messo il ferro a la cintura;
E non senza ragion ho tal paura;
     Perche ’l gire i C ... di ferro cinti,
     14E’ segno manifesto di Rottura.


L’Autore invita D. Ciccio a Caccia.

ccli.

RIscossomi dal male, ond’ho provato
     Finor come ben sai, tanto martoro
     Da certi Amici miei vengo invitato
     4In Villa per pigliar qualche ristoro.
E perchè fra di noi s’è concertato
     Di farvi un dì la caccia de l’Astoro,
     Sei, D. Ciccio ancor tu con esso loro
     8A tal ricreazion desiderato.
Prenditi dunque alcuno, il qual ti faccia
     La guida, onde in venir la via non sbagli,
     11E di costà sollecito ti spaccia.
Sì, vieni ratto, e fa, che non s’incagli
     L’opra per tuo difetto: una tal Caccia
     14Sai ben che non si fa senza sonagli.



F6 L'Au-