Pagina:La Cicceide legittima.djvu/176

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

169

DELLA


CICCEIDE


PARTE SECONDA.


LE SGHIGNAZZATE



PROEMIO.


I.


RIde il Ciel quanto vaga oltre l’usato
 L’Alba con roseo nembo il sen gl’infiora,
     O quando il Rè del giorno allor che è nato
     4A la Notte, che spira, il tergo indora:
Ride florido il suolo allor, che fuora
     Spunta tra l’erbe il popolo odorato,
     E ride il Mar tra belle calme allora,
     8Quando più nol flagella Eolo placato.
Ma se il Ciel ver D. Ciccio i lumi atterra,
     S’a lui gli occhi solleva il mobil flutto,
     11E se ’l suolo a mirarlo i rai disserra;
Fattosi allor di tante parti un tutto,
     Ride il Mar, ride il Ciel, ride la Terra,
     14E ride di D. Ciccio il Mondo tutto.


H3 L'Au-