Pagina:La Cicceide legittima.djvu/223

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
216


L’Autore, morto D. Ciccio, non può più poetar di lui.
Al Sig. Abbate Antonio Leonardi.

lxxv.

SIgnor, D. Ciccio il poverel morio,
     Così volendo il suo destin severo,
     E fu allor che per doglia il Delio Dio
     4Le bacche a i Lauri suoi vestì di nero.
L’acque lassù del bel Castalio Rio
     Fu pure allor che si cangiaro in siero,
     E ch’a l’afflitta inconsolabil Clio
     8Per il duol si chiuse il mestrual sentiero.
Dunque s’ei per voler d’iniquo Fato,
     Solito a condannar senza processi,
     11Ha già l’ultimo spirito esalato,
Anche ogni scherzo mio convien che cessi;
     Poiché quando i Pallon perdono il fiato
     14Sai che non si può più giocar con essi.





Il