Pagina:La Cicceide legittima.djvu/49

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


42

A D. Ciccio grasso figlio di Padre gracile,

lxxxi.

COlor, che vostro Padre han conosciuto,
     Il qual fu magro, e lungo di statura,
     Stupiscono, che voi siate venuto
     4A guisa d’una sferica figura:
Anzi alcuno di lor, che v’ha veduto
     Di così differente architettura,
     Tien che sua moglie, fattalo un cornuto,
     8Fuor di casa cercasse altra pastura.
Altri però, ch’han sensi assai migHori,
     Difendono, e con ottime ragioni,
     11Che voi v’assomigliate a’ Genitori,
Perchè, giusta le ferme opinioni,
     Che corrono tra’ Fisici scrittori.
     14Quei, che generan l’uom, sono i C....»


Nel medesimo Soggeto.

lxxxii.

STupisce ogn’un, che vi contempla, e vede
     Di sì material corporatura,
     Ch’un Genitor di gracile struttura
     4Non ha per ordinario un grasso erede;
Quindi avvien, che qualcun sospetta, e crede.
     Che vostra Madre ingorda di natura
     Quando seguì la vostra impregnatura,
     8Non serbasse al Marito intera fede.
Io però, quanto a me, v'ho per Figliuolo
     Di legitimo Padre, e non le addosso
     11Tal reità, nè la sua fama involo;
Che se i C.... paterni a più non posso
     Travagliarono in due per farne un solo,
     14Stupor non è che 'l fessero si grosso.



La