Pagina:La Cicceide legittima.djvu/76

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

69

La preeminenza di D. Ciccio.

cxxxv.

COn questi detti un giorno i proprj vanti
     Il viril Membro esagerar s’udio:
     Oda il Mondo, e stupisca: io son quell’io
     4Padre Comun de’ Reprobi, e de’ S....
Me sol voglion le Donne ognor d’avanti,
     Gli uomini han sempre in bocca il nome mio:
     E quel ch’è più, fuor che me solo, è D....
     8Altri non è, che di crear si vanti,
I Testicoli allor, ch’ebbero a male
     Di quel suo fasto i tumidi schiamazzi,
     11Fero a lui quella replica formale:
Oh degno inver de lo spedal de’ pazzi!
     Mira D.Ciccio, e t’avvedrai, che vale
     14Un sol C.... per cento mila C....


Comparazione tra Alessandro Magno e D. Ciccio.

cxxxvi.

S’Io v’osservo, Signor, da cima in fondo,
     Un Alessandro in voi raviso espresso,
     A segno tal, ch’io non so ben, se presso
     4A lui vi debba dir primo, o secondo;
Ei girò l’Universo a tondo, a tondo,
     Voi da ciascun siete girato in esso:
     Con tutto un Mondo ei non empì se stesso:
     8E voi sol con voi stesso empite un Mondo.
Ma dopo aver con l’animo ingombrato
     Da parziale affetto, e da passione,
     11Il merito d’entrambi esaminato,
Dico fra me, stringendo il paragone,
     Fu quegli al tempo antico un Gran soldato,
     14E questi al nostro un Massimo C....



D L'Au-