Pagina:La Divina Commedia Napoletano Domenico Jaccarino-Nfierno.djvu/162

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 8 —

N.° 9.

L'Osservatore Commerciale, di Napoli nel suo n.33. an. I°, 4 agosto 1867, nella sua rubrica Notizie Varie pubblicava il seguente articolo che urtò i nervi della Staffetta:

«Giorni sono ci vedemmo pervenire all’ufficio del nostro Giornale il Giornale la Partenope che si pubblica in Napoli, esso è nostro coetaneo e con piacere lo salutiamo. Parlare del Direttore e Redattore di esso è cosa inutile; Napoli conosce lo spirito e l’ingegno del Sig. Domenico Jaccarino. Però se non temessimo sentirci dire, col lepido Brofferio, «d’onde esce questo giudizio di poesia che sente di cifre numeriche?» noi vorremmo azzardarne uno sul Dante Popolare che il Sig. Jaccarino pubblica mano mano sul suo giornaletto.... Ma da banda il timore dei maldicenti, ad essi rispondiamo che da quei libroni di cifre uscì sempre civiltà e sapere, ed azzardiamo la nostra idea.

Su per giù in complesso il Dante del Sig. Jaccarino ci piace; lo scopo che lo mosse alla traduzione dialettica di esso è nobile e per questo passiamo sopra a certi nei che vi sono i quali però facilmente si dimenticano per le molte terzine che si lasciano ammirare per la bellezza del verso e la giusta interpretazione ed armonica, tanto da chiedersi se non sia Dante stesso che l’avesse cosi scritte; del resto quei nei possono pure interpretarsi fatti ad arte per fare spiccar più la bellezza di talune terzine.

Noi siam Negozianti, Sig. Jaccarino, ed il nostro giudizio è povero in fatti di lettere, perchè son più anni che immersi nei numeri non curiamo più Parnaso, ma pure per quanto possa valere il nostro giudizio, noi vi sproniamo a progredire e mandare a termine l’impresa.

N.° 10.

Il Popolo d’Italia, giornale democratico di Napoli, nel suo n. 215 anno 8.° del dì 7 agosto 1867, nella rubrica Cronaca interna pubblicò il seguente articoletto:

«Nel giornale La Partenope, tanto ben diretto dal sig. Domenico Jaccarino, si pubblica periodicamente la traduzione fatta dallo stesso sig. Jaccarino del Divino Poe-