Pagina:La Sacra Bibbia (Diodati 1885).djvu/544

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Proverhi sopra PROVERBI, 18, 19. varii soggetti.

stolto, da comperar sapienza, poichè egli non ha alcun senno?

L’amico ama in ogni tempo, e il fratello

nasce per l’afflizione’*.

L’uomo scemo di senno tocca la

mano, e fa sicurtk al suo prossimo ^.

Chi ama contesa ama misfatto; chi

alza la sua porta cerca ruina.

L’uomo perverso di cuore non trovera

il bene; e l’uomo stravolto nel suo parlare cader^ nel male.

Chi genera un pazzo lo genera a suo

cordoglio; e il padre dello stolto non si rallegrerk.

II cuore allegro giova, come una medicina; ma lo spirito afflitto secca le ossa.
L’empio prende il presente dal scno,

per pervertir le vie del giudicio.

La sapienza e nel cospetto dell’intendente;

ma gli occhi dello stolto rigvardano alle estremita della terra.

II figliuolo stolto e sdegno a suo

padre, e amaritudine a colei che l’ha partorito.

Egli non e bene di condannare il

giusto, non pure ad ammenda, ne che i principi battano alcuno per dirittura.

Chi rattiene i suoi detti e dotato di

conoscimento e chi e di spirito riservato e uomo intendente.

Lo stolto stesso h reputato savio,

quando si tace; e prudente, quando tiene le labbra chiuse. "I Q COLUI che si separa cerca le sue ■*"^ cupidita, e schernisce ogni legge e ragione.

Lo stolto non si dilettanella prudenza,

ma in ci5 che il cuor suo si manifesti.

Quando viene un empio, viene anche

lo sprezzo, e il vituperio con ignominia.

Le parole della bocca dell’uomo eccellente

sono acque profonde; la fonte di sapienza e, un torrente che sgorga.

Egli non e bene d’aver riguardo alia

qualitk dell’empio ^, per far torto al giusto jiel giudicio.

Le labbra dello stolto entrano in con!tesa,

e la sua bocca chiama le percosse.

La bocca dello stolto e la sua ruina,

e le sue labbra sono il laccio dell’anima sua.

Le parole di chi va bisbigliando paiono

lusinghevoli; ma scendono tin nell’interiora del ventre.

Chi si porta rimessamente nel suo

lavoro, e fratello dell’uomo dissipatore.

II Nome del Signore e una forte

torre; il giusto vi ricorrerk, e sara in salvo in luogo elevato*.

I beni del ricco son la sua citta di

fortezza, e come un alto muro alia sua immaginazione.

II cuor dell’uomo s’innalza avanti la

ruina; ma Vxmth.va davanti alia gloria.

Chi fa risposta prima che abbia udito,

ci6 gli ^ pazzia e vituperio^.

Lo spirito dell’uomo sostiene l’infermit^

di esso; ma chi soUeverk lo spirito afflitto?

II cuor dell’uomo intendente acquista

scienza; e l’orecchio de’ savi cerca conoscimento.

II presente dell’uomo gli fa far

largo, e Jo conduce davanti a’ grandi.

Chi e il primo a piatir la sua causa

ha ragione; ma il suo compagno vien poi, ed esamina quello c/i’ egli ha detto.

La sorte fa cessar le liti, e fa gli

spartimenti fra i potenti. J

II fratello oft’eso e più inespugnabile J

che una forte cittk; e le contese tra frateU.i son come le sbarre di un palazzo.

II ventre dell’uomo sara saziato del

frutto della sua bocca; egli sar^ saziato della rendita delle sue labbra.

Morte e vita sono in poter della

lingua^; e clai l’ama mangera del frutto di essa.

Chi ha trovata moglie ha trovata

una buona cosa, e ha ottenuto favor dal Signore’^..

11 povero parla supplichevolmente;

ma il ricco risponde duramente.

Un uomo che ha degli amici deve portarsi

da amico; e vi e tale amico, che e più congiunto che un fratello.

Q IL povero, che cammina nella sua

■*■ *^ integrity, val meglio che il perverso di labbra, il quale e stolto.

Come chi e frettoloso di piedi incappa; cosi non ri e alcun bene, quando

r anima e senza conoscimento.

La stoltizia dell’uomo perverte la

via di -esso; e pure il suo cuore dispetta contro al Signore.

Le ricchezze aggiungono amici in

gran numero; ma il misero e separate dal suo intimo amico.

II falso testimonio non resterk impunito,

e chi.sboccamenzognenon iscamperk^ tj Molti riveriscono il principe; ma ognuno ^ amico del donatore.

Tutti i fratelli del povero l’odiano;

quanto più si dilungheranno i suoi amici da lui! egli procaccia, ma non vi sono alcune parole.

Chi acquista senno ama l’anima sua;

chi osserva l’intendimento trover^ del bene.

II falso testimonio non resterk impunito,

e chi sbocca menzogne perirk.

I diletti non si convengono alio stol"Rut

1.16. * Prov. C. 1, ecc. ’ Giac. 1. 19. <«Lev. 19. 15. «Sal. 18. 1, ecc. /Giov. 7. 51. s Mat. 12. 36, 37. * Prov. 19. 14; 31. 10, ecc. «Es. 23. 1. Deut. 19. 16, ccc.