Pagina:La Sacra Bibbia (Diodati 1885).djvu/709

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

il territorio sacro, EZECHIELE, 45. le offerte.

30 E le primizie di tutti i primi frutti d’ogni cosa, e tutte le offerte elevate di qualunque cosa, d’infra tutte le vostre offerte, saranno de’ sacerdoti; parimente voi darete al sacerdote le primizie" delle vostre paste, per far riposar la benedizione sopra le case vostre.

Non mangino i sacerdoti alcun carname

di uccello, o di bestia morta da se, o lacerata dalle Jiere^.

Il territorio sacro.

45 ORA, quando voi spartirete a sorte il paese per credit^, ofierite, per ofFerta al Signore, una porzione consacrata del paese, di lunghezza di venticinquemila cubiti, e di larghezza di diecimila. Quello spazio sard santo, per tutti i suoi confini, a’ ogn’intorno.

Di esso prendansi per lo Luogo santo

cinquecento cubiti per lungo, e altrettanti per largo, in quadro d’ogn’intorno; e cinquanta cubiti per le pertinenze di fuori a ogn’intorno.

Misura adunque imo spazio di questa

misura, cioe, di lunghezza di venticinquemila cubiti, e di larghezza di diecimila; e in quello spazio sar^il santuario, il Luogo santissimo.

Esso e una porzione santificata del

Saese; essa sara per li sacerdoti, ministri el santuario che si accostano al Signore, per ministrargli; sark loro un luogo da case; oltre al luogo santo per lo santuario.

Poi misura tin altro spazio di venticinauemila

cubiti di lunghezza, e di diecimila i larghezza; quello sar^ per li Leviti, ministri della casa, per lor possessione, con venti camere.

Poi ordinate, per la possession della

cittd, cinquemila cubiti in larghezza, e venticinquemila in lunghezza, allato alr offerta santa; e quello spazio sara per tutta la casa d’Israele.

Poi assegnate la parte al principe, di

qua, e di la della santa offerta, e della possession della citta, allato alia santa oflerta, e alia possession della citta, dalr Occidente, e fino all’estremita occidentale; e dall’Oriente, lino all’estremita orientale; e la lunghe/za sia uguale ad una di quelle parti, dall’estremita occidentale nno all’orientale.

Egli avrk quello del paese per sua possessione

in Israele; e i miei principi non oppresseranno più il mio popolo, e lasceranno il rimanente del paese alia casa d’Israele, per le lor tribu. /6 funzioni sacre del principe e de’ sacerdoti.

Cosi ha detto il Signore Iddio: Bastivi,

principi d’Israele; togliete via la violenza, e la rapina; e fate giustizia, e giudicio; levate le vostre storsioni d’addosso al mio popolo, dice il Signore Iddio.

Abbiate bilance giuste, ed efa giusto,

e bat giusto;

Sia r efa, e il bat, d’una medesima

misura, prendendo il bat per la decima parte d’un homer, e l’efa similmente per la decima parte d’un homer; sia la misura dell’uno e dell’altro a ragion delr homer;

E sia il siclo di venti oboli*’; e siavi

la mina di venti sicli, di venticinque sicli, e di quindici sicli.

Quest’e V offerta che voi ofierirete:

la sesta parte d’un efa, dell’homer del frumento; voi darete parimente la sesta parte d’un efa, dell’homer dell’orzo.

E lo statuto dell’olio (il bat d la misura

dell’olio) ^ che si dia la decima parte d’un bat, per coro, che h homer di dieci bati; conciossiach6 l’homer sia di dieci bati;

E del minuto bestiame lo statuto h

che si dia di dugento bcstie una de’ luoghi grassi d’Israele; e quest’ofiierta sard per le offerte di panatica, e per gli olocausti, e per li sacrifacii da render grazie, per far purgamento per essi, dice il Signore Iddio.

Tutto il popolo del paese sara tenuto

a quell’offerta, la quale ejli dard al principe che sard in Israele.

E al principe si apparterrk difornir

gli olocausti, e le offerte di panatica, e le offerte da spanderc, nelle feste solenni, e nelle calendi, e ne’ sabati, in tutte le solennita della casa d’Israele; egli fornir^ i sacrificii per lo peccato, e le offerte di panatica, e gli olocausti, e i sacrificii da render grazie, per far purgamento per la casa d’Israele.

Cosi ha detto il Signore Iddio: Nel

primo itiese, nel primo giorno del mese, prendi un giovenco senza difetto, e puriff ca il santuario, sacriftcando questo giovenco per lo peccato’^.

E prenda il sacerdote del sangue di

questo sacrificio per lo peccato, e mettalo sopra gli stipiti della casa, e sopra i quattro canti delle sportature dell’altare, e sopra gli stipiti della porta del cortile di dentro.

Fa il simigliante nel settimo giorno

del raedesimo mese, per colui che avra peccato per errore, e per lo scempio; c COSI purgherete la casa.

Nel primo mese, nel quartodecimo

giorno del mese, siavi la Pasqua; sia una f esta solenne di sette giorni, ne’ quali manginsi pani azzimi.

E in quel giorno sacrifichi il principe,

• Num. 18. 12, 13.» Lev Lev. 23. 5. Deut. 16, 1, ecc. •22.8. ’Lev. 27. 25. Num..S. 47. <i Lev. 16, 16. «Es. 12. 18. 701