Pagina:La Sacra Bibbia (Diodati 1885).djvu/784

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


10 

Poi, chiamata a sè la moltitudine, le disse: Ascoltate, ed intendete: 

11  Non ciò che entra nella bocca contamina l’uomo; ma ben lo contamina ciò che esce dalla bocca.

12  Allora i suoi discepoli, accostatisi, gli dissero: Sai tu che i Farisei, udito questo ragionamento, sono stati scandalezzati?

13  Ed egli, rispondendo, disse: Ogni pianta che il padre mio celeste non ha piantata sarà diradicata.

14  Lasciateli; son guide cieche di ciechi; ora, se un cieco guida un altro cieco amendue cadranno nella fossa.

15  E Pietro, rispondendo, gli disse: Dichiaraci quella parabola.

16  E Gesù disse: Siete voi eziandio ancor privi d’intelletto?

17  Non intendete voi ancora che tutto ciò che entra nella bocca se ne va nel ventre, e poi è gettato fuori nella latrina?

18  Ma le cose che escono dalla bocca procedono dal cuore, ed esse contaminano l’uomo.

19  Poichè dal cuore procedono pensieri malvagi, omicidii, adulterii, fornicazioni, furti, false testimonianze, maldicenze.

20  Queste son le cose che contaminano l’uomo; ma il mangiare con mani non lavate non contamina l’uomo.

21  POI Gesù, partitosi di là, si ritrasse nelle parti di Tiro, e di Sidon.

22  Ed ecco, una donna Cananea, uscita di que’ confini, gli gridò, dicendo: Abbi pietà di me, o Signore, figliuol di Davide! la mia figliuola è malamente tormentata dal demonio.

23  Ma egli non le rispondeva nulla. E i suoi discepoli, accostatisi, lo pregavano, dicendo: Licenziala, perciocchè ella grida dietro a noi.

24  Ma egli, rispondendo, disse: Io non son mandato se non alle pecore perdute della casa d’Israele.

25  Ed ella venne, e l’adorò, dicendo: Signore, aiutami.

26  Ma egli, rispondendo, disse: Non è cosa onesta prendere il pan de’ figliuoli, e gettarlo a’ cagnuoli.

27  Ed ella disse: Ben dici, Signore; poichè anche i cagnuoli mangiano delle miche che cadono dalla tavola de’ lor padroni.

28  Allora Gesù, rispondendo, le disse: O donna, grande è la tua fede; siati fatto come tu vuoi. E da quell’ora, la sua figliuola fu sanata.

29  E GESÙ, partendo di là, venne presso al mar della Galilea; e salito sopra il monte, si pose quivi a sedere.

30  E molte turbe si accostarono a lui, le quali aveano con loro degli zoppi, dei ciechi, de’ mutoli, de’ monchi, ed altri molti; e li gettarono a’ piedi di Gesù, ed egli li sanò;

31  talchè le turbe si maravigliavano, vedendo i mutoli parlare, i monchi esser sani, gli zoppi camminare, e i ciechi vedere; e glorificarono l’Iddio d’Israele.

32  E Gesù, chiamati a sè i suoi discepoli, disse: Io ho gran pietà della moltitudine; perciocchè già tre giorni continui dimora appresso di me, e non ha di che mangiare; e pure io non voglio licenziarli digiuni, che talora non vengano meno tra via.

33  E i suoi discepoli gli dissero: Onde avremmo in un luogo deserto tanti pani, che bastassero a saziare una cotanta moltitudine?

34  E Gesù disse loro: Quanti pani avete? Ed essi dissero: Sette, e alcuni pochi pesciolini.

35  Ed egli comandò alle turbe che si mettessero a sedere in terra.

36  Poi prese i sette pani, e i pesci, e rese grazie, li ruppe, e li diede a’ suoi discepoli; e i discepoli alla moltitudine.

37  E tutti ne mangiarono, e furon saziati; poi levaron l’avanzo de’ pezzi, e ve ne furono sette panieri pieni.

38  Or coloro che avean mangiato erano quattromila uomini, oltre alle donne e i fanciulli.

39  Poi, licenziate le turbe, egli montò nella navicella, e venne ne’ confini di Magdala.

16  ED accostatisi a lui i Farisei, e i Sadducei, tentandolo, lo richiesero di mostrar loro un segno dal cielo.

2  Ma egli, rispondendo, disse loro: Quando si fa sera, voi dite: Farà tempo sereno, perciocchè il cielo rosseggia.

3  E la mattina dite: Oggi sarà tempesta, perciocchè il cielo tutto mesto rosseggia. Ipocriti, ben sapete discernere l’aspetto del cielo, e non potete discernere i segni de’ tempi!

4  La gente malvagia ed adultera richiede un segno, ma segno alcuno non le sarà dato, se non il segno del profeta Giona. E, lasciatili, se ne andò.

5  E quando i suoi discepoli furon giunti all’altra riva, ecco, aveano dimenticato di prender del pane.

6  E Gesù

La donna Cananea.

(Mar. 7. 24-30.)

II lievito de Farisei.

(Mar. 8. 11-21.)

• 1 Tim. 4 4. Tit. 1. 1.5.

/Mat. 10. 5, G. Fat. 13. i6.

i Giov. 1. 5. 2.

Is. o5. 5, 6.

Luc. 6. 89.

A Mat. 11. 19.

< Giac. .S. 6.

1 Cor. 1. 22.

Ger. 17. 9.

I Mat. 12. ;{a.