Pagina:La favorita del Mahdi.djvu/322

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
320

Abd-el-Kerim coi capelli irti, gli occhi sbarrati, non respirava più. Egli si chiedeva se quel terribile rivale sapesse che l’amante di Fathma era il prigioniero che gli stava dinanzi.

— Maledetta donna, proseguì Ahmed. L’amavo, aveva da me tutto quello che desiderava, aveva a sua disposizione duecentomila guerrieri pronti a farsi uccidere per lei, era più di una sultana, e mi obliò, mi abbandonò. Ma verrà forse un dì che la riavrò nelle mie mani e le farò scontare a caro prezzo il tradimento. Oh! quel dì si pentirà di aver burlato l’inviato di Allàh!

— Ma è viva, adunque? chiese Abd-el-Kerim che non si teneva più.

— Si dice che è viva, ma nessuno lo assicura.

— Ah!

— Che hai?

— Nulla, mormorò l’arabo prestamente. Ho la punta di una freccia in un braccio e mi fa soffrire.

— Soffrirai ancora per poco, disse Ahmed con un sorriso crudele.

— Perchè?

— Perchè domani, a meno che non sii protetto da Allàh, morrai.

— Ma io non voglio morire! esclamò l’arabo.

— Come, pochi minuti fa non t’importava di morire ed ora mi dici che non vuoi morire. Quale cangiamento è mai avvenuto nel tuo animo?

— È entrata una speranza.

— Quale?

— Che la donna che io amai e che credo perduta sia viva come la tua.

Lo sguardo acceso del Mahdi si annebbiò diventando malinconico, quasi tenero.

— Sai che tu mi piaci? gli disse, posandogli le mani sulle spalle.

— Io!

— Sì, tu mi piaci e vorrei vederti ufficiale nel mio esercito. Disgraziatamente mi hai ucciso un potente scièk e bisogna che io lo vendichi.