Pagina:La favorita del Mahdi.djvu/325

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

323

L’altro era uno scièk negro, tozzo, robusto, dal volto feroce, senza barba, con due occhi grandi e brillanti, naso assai schiacciato e labbra sporgenti. Portava un gran turbante sul capo, una rahàd (cintura) riboccante d’armi alle reni e ornata di spessi cordoncini, un paio di larghi calzoni alla turca e alle braccia numerose anella d’avorio e file di chàraz (perline di vetro).

— Dunque tu mi raccontavi? diceva lo scièk.

— Che egli è qui, rispose il beduino con accento straniero.

— Sei proprio sicuro?

— Sicurissimo, El-Mactud.

— Quando l’hai veduto?

— La decorsa notte passando dinanzi ad un tugul guardato da venticinque guerrieri. Al chiarore dei fuochi lo vidi sdraiato a terra col volto fra le mani.

— Puoi esserti ingannato, disse lo scièk.

— Ma no, non mi sono ingannato, te l’assicuro. Lo conosco troppo bene.

— Ma non militava sotto Hicks pascià?

— Quando lo lasciai era con Dhafar pascià, non posso quindi sapere se egli abbia raggiunto il generale inglese.

— A ogni modo non so capacitarmi come abbia abbandonata la sua bandiera per passare sotto quella di Ahmed.

— Ti narrai che egli amava una donna e che questa gli fu rapita.

— Ebbene?

— Forse spera di ritrovarla qui.

— Quale grado occupa? chiese lo scièk.

— L’ignoro come te. Sulla soglia della sua capanna ho veduto venticinque guerrieri, e so che ieri sera ebbe un colloquio con Ahmed Mohammed, poichè lo videro uscire dal tugul.

— Bisogna sapere qual grado gli fu conferito e se è amico di Ahmed.

— Lo sapremo, e per quanto potente egli qui sia, lo annienterò, lo farò cadere nella polvere! Basta