Pagina:La guerra del vespro siciliano.djvu/45

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
[1265] del vespro siciliano. 29

per suoi conti sovrani; ed or da Beatrice, ultima di quel sangue, era stata recata in dote a Carlo d’Angiò. Quell’acerba signoria, onde la Puglia poi pianse e la Sicilia insanguinossi, spaziavasi già in Provenza: fraude e forza aveano spogliato di lor franchige repubblicane Marsiglia, Arles, Avignone: tra cupida dell’altrui avere, e tremante del suo tiranno, correa Provenza alle armi per aggrandirlo. Smugneanla di danari Carlo e Beatrice; costei fino i suoi gioielli impegnò; altra moneta fornì re Lodovico; altra ne tolse in presto il conte d’Angiò da Arrigo di Castiglia, e da mercatanti e baroni. Così raggranellando di che provvedere ai preparamenti, si raccolsono i guerrieri, ai quali il bando della croce era pretesto, scopo l’acquisto: e venivano sotto la insegna di ventura dell’Angioino, chi condotto per soldo, chi conducendo del suo un picciol drappello, quasi messa di gioco o di commercio, per guadagnar poderi nell’assaltato reame. Sommavano a trentamila, tra cavalli e fanti: e però esercito lo appellano le istorie, non masnada di ladroni, congregati di là dei monti a riversarsi in Italia, a scannar per rubare, e comandar poi, e ribellione chiamar la difesa.

Per arrisicato viaggio di mare, schivando l’armata fortissima di Manfredi, Carlo con un pugno d’uomini venne in Italia: di giugno milledugentosessantacinque prese l’uficio di senator di Roma, assentitogli temporaneamente dal papa: d’autunno le sue genti, valicate le Alpi, non tro-


    1. Venga in tre mesi dopo la concessione.
    2. Le condizioni scritte di sopra valgano pei successori di lui.
    3. E compiuta che sia l’impresa, abbia il privilegio di concessione con la bolla di oro.
    4. Non tenga per tutta la sua vita l’uficio di senator di Roma.
    5. Lascilo anzi nel termine di anni tre; e intanto lo eserciti a favor della Chiesa, e disponga per lei i Romani.