Pagina:La guerra del vespro siciliano.djvu/47

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
[1266] del vespro siciliano. 31

gli San Germano et Rocc’Arce; e valicar gli facea senza trar colpo il Volturno. Solo a Benevento si pugnò, a dì ventisei di febbraio, perchè v’era Manfredi, nè Carlo udir volle di pace. Pugnaron, dico, i Tedeschi, e i Saraceni di Sicilia; fuggiron gli altri; vinse con grande strage l’impeto francese. Allor Manfredi avventossi tra’ nemici a cercar morte; e se l’ebbe. Tra mille cadaveri trovato il suo, gli alzarono i soldati nemici una mora di sassi; e poi pur quell’umile sepoltura gli negò l’odio del legato pontificio: e le ultime esequie dello eroe svevo, fur di gettarlo a’ cani sulle sponde del Verde.

E Napoli fe’ plauso al conquistatore: la ribellione, la rotta dello esercito, il fato del re, fecer piegare il resto di Puglia e di Calabria, e la Sicilia arrendersi; sol tenendo fermo que’ Saraceni fortissimi in Lucera. Alla grossa partironsi i tesori del vinto, tra Carlo, Beatrice, e lor cavalieri: s’ebbono quei soldati di ventura, dignità e terre. E i popoli, che per mutar di signori rado mutano al meglio lor sorti, ne avean pure l’usata speranza; parendo che nella pace s’allevierebbero i tributi, ordinati a sostenere quella pertinacissima guerra contro la corte di Roma.




    In co’ del ponte, presso a Benevento,
    Sotto la guardia della grave mora:
    Or le bagna la pioggia, e muove ’l vento
    Di fuor dal regno, quasi lungo ’l Verde,
    Ove le trasmutò a lume spento.
    Purg., c. 3.