Pagina:La guerra del vespro siciliano.djvu/63

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
[1266-82] del vespro siciliano. 47

i veltri del fisco, affamati, sagaci, invidiosi, ivano in traccia, svolgean vecchie carte, su dritti e usanze cavillavano, vinceano in diligenza lo stesso re. A vetustà di possesso, a prescrizione non s’attende; richieggonsi i titoli de’ feudi tutti; minacciano spogliamento gl’ingordi ministri, e per danaro acquetansi. L’hanno, e all’inchiesta, all’espilazione dopo breve tratto ritornano: feudo non fu, nè baronia che due o tre volte non si fosse ricattato in tal guisa1. Con severità maggiore si ricercò de’ regi demanî: orribili furono le confiscazioni per crimenlese, come innanzi dirassi. Perilchè occupando terre, e castella, e poderi innumerevoli, largheggiavane re Carlo co’ suoi per feudale concessione2; e tanti diplomi ce ne rimangon ora, che alcuno, senza badare al rapace acquisto, nè alla sforzata liberalità coi maggiori dell’esercito, magnifico ne dice il re. I novelli baroni poi a lor uomini gratificavano con subalterne concessioni: così i condottieri, i soldati d’oltremonti prendeano stanza nelle nostre terre; sospettosi, odiosi, pronti a ripigliare le armi; e ritraente dalla primitiva occupazione de’ barbari, una feudalità novella sorgeva

    • Saba Malaspina, lib. 6.
    • Capitoli del regno di Sicilia, cap. 23 di re Giacomo.
    • Epistole di Clemente IV a Carlo, in Raynald, Ann. ecc. 1267 §. 4 e 1268 §. 36.*Diploma del 14 luglio 1266, dall’archivio della chiesa di Cefalù, tra i Mss. della Bibl. com. di Palermo Q. q. G. 12.
    • Diploma di Carlo I dato il 13 giugno 1270, nel quale si comanda una inquisizione per le concessioni di Federigo dopo la sua deposizione, di Corrado, e di Manfredi. Dal r. archivio di Napoli, Papon, Hist. gen. de Provence, tom. III, Docum. 8.
  1. Gio. Villani, lib. 7, cap. 30.

    Veggansi ancora i vari diplomi ricordati da monsignor Scotto nel catalogo delle pergamene del r. archivio di Napoli, tom. I, pag. 50 e 179, e que’ che abbiamo tra’ Mss. della Bibl. com. di Palermo Q. q. G. 2, tutti cavati da’ registri del r. archivio di Napoli, e dati di Taormina 12 gennaio 1271, di Messina 23 gennaio 1271, di Monforte 23 settembre 1272. Moltissimi altri se ne trovano ne’ registri del detto archivio di Napoli.