Pagina:La lanterna di Diogene.djvu/111

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 103 —

non negotium come sapevano anche gli antichi romani. Otium litteratorum!

Che malinconia questo accordo di giudizi tra il ricco ebreo ed il postino!


*


Eppure! Eppure no! Quando voi, lavoratori, cantate:

Su, fratelli, su, compagni
su venite in fitta schiera,

avete torto di guardarmi con occhio bieco, di non considerarmi come vostro fratello nel lavoro umano, di stringere alleanza piuttosto con certi parassiti della vita sociale che con me! Sappiate che a me il pane nero piace più del bianco, rinuncio al palazzo e accetto la capanna, purchè anche voi accettiate un raggio di questa idealità spirituale, che è purificatrice e liberatrice. Soltanto per essa voi vedrete sorgere il «sole dell’avvenire!»


*


E appunto a questa spiaggia venne una domenica una «fitta schiera» di questo esercito del «Sole dell’Avvenire». Infatti essi inneggiavano al detto Sole.