Pagina:La lanterna di Diogene.djvu/151

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 143 —

— Sangue del Signore! — sclamò la Giovanna.

All’uomo pareva che venisse da piangere. Non poco ci volle a persuaderli che non era per burla. Poi nacque — antico effetto dell’oro — diverbio fra l’uomo e la donna. La donna voleva comprare le provviste per l’inverno; l’uomo fare pr im a, di tutto una grande mangiata.

— Sì, sì, ha ragione lui, — disse il mio compagno; — sentiamo questa mangiata, come sarà.

— Ecco! Una gran terrina così, — spiegò l’uomo, e allargava le braccia, — piena di lasagne fatte in casa, con l’uovo, e sopra tanto butirro, tanto soffritto di lardo e tanto di quel formaggio che pizzica. Poi un mezzo castrato arrosto o in umido, a piacimento.

— Con le corna e tutto, — aggiunse la Giovanna.

— Ah, — esclamò l’infermo, e levò anche lui, minacciando, la mano verso il grande azzurro dove è collocato Iddio. Perchè questo è il gesto che talora fanno gli uomini, anche, se sono grandi o sapienti.