Pagina:La madre (1920).djvu/114

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 104 —

fatto? male a te e a lei», ma egli aveva sollevato il viso, scuotendo un po’ la testa indietro per ricacciare giù il cattivo sangue della passione, e fissandola con occhi minacciosi diceva:

— Adesso basta. Avete inteso che basta? Non voglio assolutamente più sentire parlare di questo: altrimenti farò quello che minacciavate di far voi ieri sera: me ne andrò.

Infatti s’alzò, bruscamente, e invece di risalire nella sua camera, uscì di nuovo. La madre andò in cucina, con la tazza che le tremava fra le mani: e depose la tazza, e s’appoggiò all’anta del forno, smarrita. Le pareva ch’egli se ne fosse andato via per sempre: anche se tornava non era più il suo Paulo, era un disgraziato preso dalla cattiva passione, uno che guardava con occhi minacciosi, come il ladro in agguato, chiunque osasse attraversargli la strada.

Ed egli infatti camminava come uno che era fuggilo di casa, per non rientrare nella sua camera, poiché aveva l’impres-