Pagina:La madre (1920).djvu/119

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 109 —


— E allora la nipote, secondo il mio debole parere, non deve permettersi di ordinare a me, alla guardia urbana e campestre, come ad un suo servo qualunque, di andare a chiamare d’urgenza il dottore. Qui non si tratta di un ferimento, nè di un fatto qualsiasi di dipendenza della medicina legale. La guardia ha ben altre cose a cui provvedere. Devo adesso andar giù fino al guado del fiume perchè ho avuto denunzia che qualche benefattore ha messo della dinamite nell’acqua per ammazzare le trote. La riverisco.

Ripetè il saluto militare e s’avviò. Alla scossa, il cane, partecipando subito allo sdegno represso del padrone si mosse scuotendo la coda feroce, e non ringhiò più, ma volse un poco la testa verso il prete guardandolo in viso coi suoi terribili occhi d’assassino.

Più su ecco Antioco affacciato al parapetto della piazza all’ombra tremula di un olmo: aspettava, dopo aver preparato ogni cosa per l’estrema unzione al vecchio; e nel vedere il prete corse, prece-