Pagina:La madre (1920).djvu/132

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 122 —


— Non possono entrarvi; ce li ha già!

Scherzava, ma senza perder nulla della sua gravità. Sull’uscio della stanza da pranzo fece il saluto militare, rivolto al prete, senza neppure degnarsi di guardare le donne.

— Ho bisogno di parlare a lei solo.

Le donne si ritrassero in cucina, e Antioco andò a riporre il libro. Quando ridiscese, sebbene ancora tutto commosso del miracolo, si fermò a origliare quel che diceva la guardia. Diceva:

— Le domando scusa se ho portato dentro questa bestia: è pulita, e non darà noia perchè capisce dov’è. (Il cane infatti stava immobile, a occhi bassi, con la coda penzoloni.) Si tratta del vecchio Nicodemo Pania, noto Re Nicodemo. È stato raggiunto nella sua capanna, ed ha espresso il desiderio di rivedere lei e ricevere l’estrema unzione. Secondo il mio debole parere....

— Santo Dio! — disse il prete con impazienza; tosto però si rallegrò infantilmente al pensiero di andare sull’altipiano,