Pagina:La regina delle tenebre.djvu/103

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 97 —


Traduz.: Alla festa di Gasta sono andato,
                Quella che viene in primavera:
                Là c’è Salvatore, — c’è Salvatore,
                Là c’è Salvatore e Sebastiano,
                In pace e concordia bevendo.
                E da che la vidi — la vidi,
                E da che la vidi immantinenti
                Caddi uno morto, uno ferito. (?)
                Alla festa di Gasta sono andato.

Insistevano specialmente sui versi:

Inie b’er Baròre – b’er Baròre


e

E da chi la idèi – la idèi


ripetendoli cento volte, con cadenza, facendone il ritmo della danza.

Però, cambiavano versi allorchè scorgevano giungere persone di altri paesi.

Arrivò, per esempio, un sacerdote a cavallo, in fracchina, con pantaloni corti: teneva un grosso ombrello sul davanti della sella, e pareva una figura da lanterna magica.

Qualcuno disse: è Nuorese.

E subito, quelli del ballo, intonarono questa quartina:


In Santu Predu han pesadu unu ballu,
A sonos de ghitarra e fiolinu;

7 - DELEDDA. La regina delle tenebre.