Pagina:La regina delle tenebre.djvu/13

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 7 —

aveva un cerchietto d’acciaio con cinque diamanti che brillavano più che stelle.

La chiamarono allora la regina delle tenebre: i contadini che vegliavano dall’alto dei vigneti, qualche pastore che andava assonnato dietro greggia pascolanti nella notte, qualche cacciatore notturno steso sull’erba fredda dei ciglioni, la videro più d’una volta scendere di carrozza, con quelle sue cinque stelle in fronte, e appoggiarsi al paracarri, sull’orlo della valle fragrante, o sopra il ponte come intenta ai fuochi lontani della montagna, o alla voce queta dall’acqua corrente. Una volta, in una riunione di gente elegante e incosciente, un gruppo di giovanotti sciocchi presero a discutere intorno all’evidente pazzia della regina delle tenebre. E uno sostenne, e convinse gli amici, che Magda voleva imitare Marina di Malombra e che, come questa, avrebbe finito col commetter delitti. Non si parlò d’altro. Anche Magda, spesso, tornava nella truce idea di credersi pazza; o per lo meno sentiva che tutta l’anima sua era malata. Qualche volta provava il bisogno di ripigliare la vita antica, di tornare nella società; ma oltre il resto, la ratteneva il timore delle chiacchiere della folla, della curiosità sciocca con cui il suo ritorno verrebbe accolto.