Pagina:La regina delle tenebre.djvu/175

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 169 —

gnora, aveva ben ragione di preferire il signore alla lucertola umile e selvaggia; ma allora perchè se le piacevano i signori, perchè aveva stregato il povero pastore, perchè gli aveva detto di volergli bene, di attenderlo, di sposarlo? Perchè, Nanìa, perchè?..

Sul punto d’assassinare un uomo Jorgj Preda sentiva una spasmodica voglia di piangere. I signori si avvicinavano. Tiligherta rivide Nanìa, la piccola Nanìa, ch’egli adorava ancora come nostra Signora del Miracolo, fra le braccia dell’ingegnere, e sollevò il vecchio archibugio, mirando freddamente con un occhio solo.

Passando sotto il tiro del suo assassino, l’ingegnere, che certo pensava ad altro che al pericolo sovrastante, sollevò la testa e si tolse il gran cappello grigio tenendolo un po’ sull’arcione: intanto ragionava col compagno, ad un tratto sorrise, col viso rivolto verso la fratta dove stava Jorgj. Pareva lo scorgesse e sorridesse a lui.

Il sole spuntava in quel momento e la sua prima luminosità d’un giallo roseo inondava lo stradale e illuminava il volto sorridente dell’ingegnere.

Jorgj non sparò, lasciando passare sano e salvo il suo rivale. Il volto illuminato e il